Rete Voltaire

I Fratelli Mussulmani presto sulla lista dei terroristi negli USA

+

La Casa Bianca ha confermato che il presidente Trump intende inscrivere la Confraternita dei Fratelli Mussulmani nella lista nera delle organizzazioni terroriste.

I Fratelli Mussulmani sono un’organizzazione politica – non religiosa – rifondata dopo la seconda guerra mondiale e da allora controllata dall’MI6 britannico. I Fratelli Mussulmani, dopo essere stati ricevuti alla Casa Bianca dal presidente Eisenhower, hanno ottenuto il sostegno della CIA; dopo l’operazione afghana di Zbigniew Brzezinski anche quella del Pentagono. Hanno partecipato, a fianco della NATO, alle guerre di Jugoslavia, Libia e Siria. Durante il mandato di Obama hanno fatto parte del Consiglio Nazionale per la Sicurezza e del gabinetto della segretaria di Stato Hillary Clinton (foto).

Donald Trump è invece molto ostile a questa società segreta. Il suo primo consigliere nazionale per la sicurezza, generale Michael Flynn, aveva già predisposto la procedura per dichiararla organizzazione terrorista. Lo stesso presidente Trump, nel discorso tenuto a Riad, aveva chiesto ai capi di Stato mussulmani di rompere con la Confraternita.

Tutti i gruppi sunniti che si richiamano all’islam politico, da Al Qaeda a Daesh, sono stati formati da membri o ex membri della Confraternita. Numerosi Stati mussulmani, tra cui Egitto e Siria, nonché l’Arabia Saudita dopo la caduta di Mohamed Morsi, li hanno messi fuori legge. Ormai sono sostenuti soltanto da Gaza, Pakistan, Qatar e Turchia. Sono in buone relazioni con Iran e Giordania.

In Europa, oltre al Regno Unito, Germania e Francia hanno concesso asilo a diversi leader in fuga dalla Confraternita.

L’unico studio sulla storia della Confraternita sul piano internazionale è la seconda parte del libro di Thierry Meyssan, Sotto i nostri occhi.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L'invasione turca del Rojava
L’invasione turca del Rojava
TUTTO QUEL CHE VI NASCONDONO SULL’OPERAZIONE TURCA “FONTE DI PACE” 3/3
 
Il Kurdistan immaginato dal colonialismo francese
Il Kurdistan immaginato dal colonialismo francese
Tutto quel che vi nascondono sull’operazione turca “Fonte di pace” (2/3)
 

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

L'invasione turca del Rojava
TUTTO QUEL CHE VI NASCONDONO SULL’OPERAZIONE TURCA “FONTE DI PACE” 3/3
L’invasione turca del Rojava
di Thierry Meyssan
Il Kurdistan immaginato dal colonialismo francese
Tutto quel che vi nascondono sull’operazione turca “Fonte di pace” (2/3)
Il Kurdistan immaginato dal colonialismo francese
di Thierry Meyssan
La genealogia della questione kurda
Tutto quel che vi nascondono sull’operazione turca “Fonte di pace” (1/3)
La genealogia della questione kurda
di Thierry Meyssan