Rete Voltaire

Lo Stato di Palestina fa ricorso alla Corte Internazionale di Giustizia contro gli Stati Uniti

+

Il 28 settembre 2018 lo Stato di Palestina ha presentato un’istanza contro gli Stati Uniti alla Corte Internazionale di Giustizia, organo arbitrale delle Nazioni Unite.

La Palestina contesta il trasferimento dell’ambasciata statunitense a Gerusalemme basandosi sulla risoluzione 181 per la divisione della Palestina, adottata nel 1947 dall’Assemblea Generale dell’ONU [1].

Il piano di partizione della risoluzione 181 stabilisce che la città di Gerusalemme, nella sua definizione più ampia, è corpus separatum dagli Stati indipendenti ebreo e arabo. Quindi, Gerusalemme non può essere la capitale né di Gerusalemme né della Palestina.

La stessa disputa era sorta nel 1980, quando Israele approvò una Legge Costituzionale che dichiarava Gerusalemme capitale.

All’epoca il Consiglio di Sicurezza confermò, con la risoluzione 476, che la proclamazione di Gerusalemme capitale d’Israele violava la Convenzione di Ginevra per i profughi e ingiunse a Tel Aviv di abrogare la Legge Costituzionale.

Poiché Israele non vi ottemperò, il Consiglio di Sicurezza adottò la risoluzione 478, con cui ordinò agli Stati membri che avevano stabilito le sedi delle ambasciate a Gerusalemme di spostarle. Bolivia, Cile, Colombia, Costarica, Equador, Guatemala, Haiti, Panama, Olanda, Repubblica Dominicana, Salvador, Uruguay e Venezuela vi si conformarono immediatamente.

L’attuale istanza dello Stato di Palestina si basa su un ragionamento diverso da quello delle istanze precedenti. Esso rinvia all’idea contenuta nella risoluzione 303 dell’Assemblea Generale: la città di Gerusalemme, per il suo particolare statuto, dovrebbe essere internazionalizzata e governata dalle Nazioni Unite.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

Documenti allegati

 

[1] «Résolution 181 (II) de l’Assemblée générale des Nations Unies», UN General Assembly, Réseau Voltaire, 29 November 1947.

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

L'invasione turca del Rojava
TUTTO QUEL CHE VI NASCONDONO SULL’OPERAZIONE TURCA “FONTE DI PACE” 3/3
L’invasione turca del Rojava
di Thierry Meyssan
Il Kurdistan immaginato dal colonialismo francese
Tutto quel che vi nascondono sull’operazione turca “Fonte di pace” (2/3)
Il Kurdistan immaginato dal colonialismo francese
di Thierry Meyssan
La genealogia della questione kurda
Tutto quel che vi nascondono sull’operazione turca “Fonte di pace” (1/3)
La genealogia della questione kurda
di Thierry Meyssan