Rete Voltaire

Gli Stati Uniti si dissociano dal negazionismo turco

+

La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha adottato una risoluzione che fa un bilancio del genocidio armeno (H.Res.296 Affirming the United States record on the Armenian Genocide).

Il testo non è una legge sulla memoria: non mira a stabilire una verità storica né a designare colpevoli, ancor meno ad aprire varchi per risarcimenti riparatori. È una mozione politica per affermare che gli Stati Uniti, durante il genocidio, vi si sono opposti e ora si dissociano dal negazionismo turco.

Una precedente risoluzione fu depositata nel 2007 dallo stesso rappresentante, il democratico eletto per la California, Adam Schiff. Non fu approvata a causa delle minacce di Ankara contro Washington. Ma ora, nel contesto dell’intervento turco contro i kurdi del PKK-YPG nel nordest della Siria, la risoluzione è stata sponsorizzata da 141 parlamentari e adottata il 29 ottobre 2019 con 405 voti a favore e 11 contrari.

In simile contesto politico non fa meraviglia che il documento eluda il ruolo svolto dai suppletivi kurdi nel massacro degli armeni e della successiva usurpazione delle loro terre.

Un identico testo (S.Res.150 – A resolution expressing the sense of the Senate that it is the policy of the United States to commemorate the Armenian Genocide through official recognition and remembrance) è stato depositato in Senato da Robert Menedez (Democratico, New Jersey).

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.