Rete Voltaire

Gli Stati Uniti potrebbero conservare l’attuale posizione di primo produttore mondiale di petrolio

+

Gli Stati Uniti, che oggi sono i primi produttori mondiali di petrolio, grazie all’estrazione di quello di scisto, potrebbero mantenere il primato più a lungo del previsto.

L’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEP) ha riconosciuto di non essere in grado di mantenere il prezzo del grezzo sotto i 60 dollari il barile. Washington potrebbe progressivamente aumentare i prezzi dal 2022, così da garantirsi la redditività del petrolio di scisto, nonostante il sempre maggior costo dell’estrazione.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.