Rete Voltaire

Washington nega di combattere in Medio Oriente per il petrolio

+

Il 13 ottobre il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha detto: "Chi è coinvolto negli attacchi in Medio Oriente non cerca la pace, ma il petrolio".

Il 14 ottobre, alla conferenza stampa quotidiana al dipartimento di Stato, la portavoce Jen Psakis ha ribadito che l’unico obiettivo della Coalizione e dei suoi partner é combattere la minaccia dell’Emirato islamico. Ma sul campo, nonostante i bombardamenti della coalizione, l’Emirato islamico, lungi dall’indebolirsi, si rafforza. Mentre il rapporto mensile della IEA riferisce dei bombardamenti di impianti petroliferi e del calo di oltre il 75% del contrabbando di petrolio [1]. La signora Psaki s’é rifiutata di discutere tali argomenti.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

[1] “In Iraq, la coalizione difende i suoi interessi petroliferi”, Traduzione di Alessandro Lattanzio, Rete Voltaire, 20 ottobre 2014.

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.