Rete Voltaire

La NATO accetta cinque nuovi Stati “osservatori”

+

La NATO ha accettato che cinque Stati siano considerati “osservatori” e dispongano di un ufficio nella sede dell’Alleanza atlantica.

Si tratta di Bahrein, Israele, Giordania, Qatar e Kuwait.

Sembra invece che gli Emirati non desiderino disporre di un ufficio.

L’annuncio, ritardato dalle negoziazioni turco-israeliane, è stato dato il 4 maggio scorso, in occasione dell’entrata in carica del nuovo Comandante supremo alleato in Europa (SACEUR), il generale Curtis M. Scaparrotti.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

Rete Voltaire

Voltaire, edizione internazionale

L’articolo è su licenza Creative Commons

Potete riprodurre liberamente gli articoli del Réseau Voltaire a condizione di citare la fonte, di non modificarli e di non usarli a scopi di lucro (licenza CC BY-NC-ND).

Sostenere Rete Voltaire

Visitate il sito dove troverete analisi approfondite che vi aiuteranno a comprendere la realtà. Per continuare questo lavoro, abbiamo bisogno della vostra participazione.
Aiutateci con un contributo.

Come partecipare alla Rete Voltaire?

Gli animatori del Réseau sono tutti volontari.
- Traduttori professionali: potete partecipare alla traduzione degli articoli.

L'alba del nuovo mondo
L’alba del nuovo mondo
di Thierry Meyssan
L'invasione turca del Rojava
TUTTO QUEL CHE VI NASCONDONO SULL’OPERAZIONE TURCA “FONTE DI PACE” 3/3
L’invasione turca del Rojava
di Thierry Meyssan
Il Kurdistan immaginato dal colonialismo francese
Tutto quel che vi nascondono sull’operazione turca “Fonte di pace” (2/3)
Il Kurdistan immaginato dal colonialismo francese
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
La Nato dietro l'attacco turco in Siria
La Nato dietro l’attacco turco in Siria
di Manlio Dinucci, Rete Voltaire
 
La genealogia della questione kurda
Tutto quel che vi nascondono sull’operazione turca “Fonte di pace” (1/3)
La genealogia della questione kurda
di Thierry Meyssan, Rete Voltaire
 
L'accordo di Hmeimim
L’accordo di Hmeimim
Rete Voltaire